Intervento di ginecomastia maschile: di cosa si tratta?

Rimodellare il torace maschile è possibile con un intervento di correzione della ginecomastia.

-

A cosa serve un intervento chirurgico di ginecomastia? 

L’obiettivo dell’intervento di correzione della ginecomastia è rimodellare il torace maschile, riducendo la ghiandola mammaria ipertrofica oppure l’eccesso di adipe pettorale. È un intervento che può essere necessario per il raggiungimento dell’Integra Body, il miglior risultato estetico del corpo.

Considerazioni generali sulla correzione della ginecomastia

La ginecomastia è una condizione caratterizzata dallo sviluppo (anomalo) delle mammelle nell’uomo. La ginecomastia viene differenziata in ginecomastia vera quando la mammella è formata da tessuto ghiandolare e pseudoginecomastia quando invece è formata da grasso. Inoltre possono essere presenti entrambe le condizioni. La correzione della ginecomastia può essere effettuata in età matura, dopo i 18 anni.

Trattamento chirurgico della ginecomastia

Il trattamento chirurgico della ginecomastia si avvale della lipoaspirazione per quanto concerne la componente adiposa. L’eccesso ghiandolare viene invece rimosso praticando una piccola incisione sul bordo inferiore dell’areola mammaria. Raramente ed in casi estremi, come ad esempio negli esiti di obesità, può essere necessaria una incisione periareolare completa per la rimozione dell’eccesso cutaneo.

Ginecomastia: cosa succede dopo l’intervento?

Dopo l’intervento di ginecomastia bisogna aspettarsi gonfiore e lividi (diversi da persona a persona a seconda della predisposizione individuale) dolenzia diffusa, bruciore e perdita di sensibilità per diversi giorni dopo l’intervento. Generalmente dopo due settimane questi sintomi regrediscono, rimane più a lungo un lieve gonfiore, pertanto il vero risultato finale si può apprezzare solo nel tempo. È utile indossare nell’immediato post-operatorio una fascia elastica leggermente compressiva. Per il primo mese è opportuno non esporsi al sole ed evitare l’attività sportiva e gli sforzi fisici in genere. Sono necessari almeno 6 mesi per il risultato definitivo. Le cicatrici sono praticamente invisibili.

Complicanze post-intervento

Le complicanze legate all’intervento sono rare e rappresentate da: ematoma, infezione, sanguinamento prolungato. Tali complicanze, come già detto, sono rare e comunque sono affrontabili senza eccessive difficoltà nella grande maggioranza dei casi.
Benché le cicatrici da incisioni cutanee siano di solito poco visibili, può residuare, a guarigione avvenuta, la presenza di piccole imperfezioni, asimmetrie, depressioni ed infossamenti del profilo cutaneo nelle zone operate. Talvolta, può quindi essere indicato un intervento di “ritocco” a distanza di alcuni mesi (nuova lipoaspirazione localizzata o innesto di grasso), di solito di piccola entità e condotto in anestesia locale.