Psoriasi: cura e cause
Psoriasi: cura e cause

La Psoriasi è una malattia della pelle a carattere cronico e recidivante, non infettiva né contagiosa ma con conseguenze sulla qualità della vita di chi ne è affetto, poiché le lesioni causate dalla patologia sono visibili sul corpo. Gli effetti sul paziente, sia dal punto di vista fisico che psicologico, hanno un forte impatto sulla vita di relazione: ansia, imbarazzo, depressione e perdita dell’autostima possono interferire con la vita lavorativa, sociale e personale.

Per combattere la solitudine del paziente psoriasico è importante sensibilizzare l’opinione pubblica che ancora oggi ritiene la malattia contagiosa e teme di avvicinare chi ne è affetto.

La psoriasi è tra le malattie più diffuse e colpisce oltre 125 milioni di persone, ovvero il 2-3% della popolazione mondiale, mentre il 20% viene colpito da una forma di psoriasi grave ed estesa a livello cutaneo o con coinvolgimento delle articolazioni.

Sintomi e cause della psoriasi

La psoriasi si presenta con chiazze eritematose, cioè arrossate a limiti netti, generalmente ovulari o grossolanamente rotondeggianti, ricoperte da squame biancastre che possono formare un accumulo bianco-argenteo. Le chiazze si localizzano tipicamente su gomiti, ginocchia, cuoio capelluto ma possono manifestarsi su tutta l'epidermide. Non raro è il coinvolgimento delle unghie talvolta come principale manifestazione della malattia. Il prurito da psoriasi, spesso presente, può rappresentare un sintomo notevolmente stressante che interferisce con il sonno o le attività quotidiane.

La patologia può associarsi a manifestazioni articolari (artrite psoriasica), che si caratterizza con artrite fino a provocare un danno articolare che può evolversi in deformazione e anchilosi articolare, talvolta associato a dolore e impotenza funzionale.

La psoriasi è una malattia infiammatoria autoimmunitaria e gli uomini ne sono colpiti in egual modo rispetto alle donne. La patologia presenta una forte predisposizione genetica ma esiste un subset di pazienti con esordio della patologia senza familiarità.

Alla predisposizione genetica si devono associare dei fattori ambientali scatenanti quali infezioni, alcuni farmaci, stress psicologico, fattori ormonali, consumo di alcool e abitudine al fumo che sono importanti nel causare la manifestazione della dermatite. Lo stress psicologico è un fattore scatenante importantissimo, ad esempio sono molto frequenti i casi di esordio di malattia dopo che il paziente ha perso il lavoro.

Terapie per curare la psoriasi

Oggi per la psoriasi oltre alle diverse terapie topiche e sistemiche ha una grandissima importanza la fototerapia (UVB a banda stretta), che consiste in un ciclo di sedute (non quantificabili) spesso con remissione anche lunga della patologia. La terapia biologica si compone di farmaci intelligenti in grado di colpire selettivamente il bersaglio e modificare l’andamento della malattia soprattutto nel caso dell'artrite psoriasica, purtroppo però ha costi molto alti e non tutti i pazienti possono usufruirne.

 

Il consiglio è quello di non lasciarsi andare e non deprimersi di fronte a una patologia talvolta difficile da controllare, perché lo sviluppo dei farmaci è in continuo divenire, perché la fototerapia favorisce buoni risultati e un buon controllo della patologia. Reagire sempre, arrendersi mai.

Ultime News
Chirurgia -
Bellezza e interventi di estetica: l'opinione del Dottore
C'è un notissimo monologo tratto da Tutto su mia madre di Pedro Almodovar che trovo molto divertente e propositivo per qualche riflessione. Mi chiamano Agrado, perché per...
Continua a leggere
Dermatologia -
IL PEELING CHIMICO
La chemoesfoliazione o peeling chimico del volto è una terapia che il Dermatologo utilizza da tantissimo tempo, anche se negli ultimi anni è stata poco considerata a vantaggio delle...
Continua a leggere
Dermatologia -
I capillari del volto: cosa sono, come curarli
Capillari sul viso, che fare? I capillari e gli angiomi del volto sono lesioni benigne causate da un'eccessiva dilatazione dei vasi sanguigni, localizzati nella parte superficiale della...
Continua a leggere